[23 gennaio 2020]
Volti dell’etica e della spiritualità del nostro tempo

Un progetto di Marco Manzoni-Studio Oikos
in collaborazione con Philo – Pratiche filosofiche e Frigoriferi Milanesi

Volti dell’etica e della spiritualità del nostro tempo

Secondo ciclo con tre filmati intervista a figure significative del nostro tempo accomunate da una riflessione etico-spirituale

 

Con le conversazioni filmate di Marco Manzoni a esponenti della cultura laica e religiosa prosegue l’interrogazione sulle grandi questioni etiche del nostro tempo.
Il secondo ciclo è dedicato a tre significative personalità:

  • 23/01/2020: Silvia Vegetti Finzi, psicologa clinica e scrittrice
  • 24/02/2020: Moni Ovadia, artista teatrale e scrittore
  • 24/03/2020: Vito Mancuso, teologo e scrittoreo

Prima serata

Dove: presso Sala Carroponte – Frigoriferi Milanesi – Via Piranesi 10, Milano
Quando: Giovedì 23 gennaio 2020 – ore 21.00

Proiezione della conversazione filmata di Marco Manzoni: Silvia Vegetti Finzi: Le relazioni affettive – 60’

Sarà presente alla serata Silvia Vegetti Finzi

Ingresso: 10 €; 5 € per soci Philo, studenti Philo e universitari

Silvia Vegetti Finzi è psicologa clinica tra le più significative del nostro Paese, è stata docente di Psicologia Dinamica all’Università di Pavia e ha pubblicato numerosi libri sull’universo affettivo.

Silvia Vegetti FinziIn questa intensa conversazione, Vegetti Finzi – nata nei giorni delle sanzioni speciali contro gli ebrei – racconta alcuni dei principali momenti della sua vita: la difficile infanzia lontano dai genitori e la capacità di superarla grazie alla riserva d’amore fornita da lontani parenti contadini; il suo percorso di formazione culturale, giovanissima con la lettura, di nascosto, dei grandi classici della letteratura; la scoperta della psicologia e della psicoanalisi, che la porterà alla docenza all’Università di Pavia e alla pubblicazione della prima “Storia della psicoanalisi”; l’arrivo nei primi anni Cinquanta in una Milano piena di entusiasmo e stimoli culturali; la partecipazione alle iniziative femministe e alle grandi battaglie civile ed etiche del nostro Paese. Nella seconda parte della conversazione, Silvia Vegetti Finzi conduce per mano l’ascoltatore a scoprire l’universo affettivo e le dinamiche tra i diversi soggetti: la maternità e “il tempo dell’inconscio”; il bambino e l’esperienza delle “ginocchia sbucciate”; l’adolescente, il suo rapporto con il corpo e il sentimento della vergogna; la relazione sempre più complessa tra uomini e donne; la separazione familiare come “ultima passione”; la “felicità insperata” tra nonni e nipoti.

Una vita ricca e generosa, quella di Silvia Vegetti Finzi, che è presente nella vita civile di Milano con la partecipazione a numerosi eventi culturali che testimoniano il suo impegno etico.

L’originalità del suo percorso è presente in libri di grande successo e spesso antesignani: da “Il bambino della notte”, il suo libro, agli ultimi “Una bambina senza stella” e “L’ospite più atteso”.

Maggiori info: www.scuolaphilo.itinfo@scuolaphilo.it

Care colleghe e cari colleghi, care studentesse e cari studenti,

il Centro Milanese di Terapia della Famiglia, in accordo con le competenti Autorità in materia, ha adottato misure a tutela della salute pubblica e del sereno funzionamento delle nostre attività istituzionali.

Da lunedì 24 febbraio fino a sabato 29 febbraio, a titolo cautelativo e precauzionale, sono sospese tutte le attività didattiche (lezioni, laboratori, esercitazioni, seminari e attività cliniche). Vengono garantiti i servizi amministrativi che non comportino ricevimento al pubblico.

Le restanti attività lavorative di docenti e personale tecnico-amministrativo proseguiranno normalmente (salvo che per i dipendenti residenti nei Comuni citati nell'Ordinanza ministeriale); ulteriori indicazioni, comunque, potranno essere fornite, quando indispensabile e opportuno.

In assenza di diverse indicazioni da parte delle Autorità, tutte le attività potranno normalmente riprendere lunedì 2 marzo. In particolare, le attività didattiche sono rinviate esattamente di una settimana.

Le misure che abbiamo deciso di intraprendere, sono a titolo cautelativo e volte a ridurre al minimo la mobilità nella Regione, ecco perché è opportuno sospendere tutte quelle attività, soprattutto ad accesso non controllato, che prevedano aggregazione continuata di studenti e docenti.

Naturalmente le date e le scadenze del calendario didattico e clinico saranno adeguate di conseguenza.

La nostra azione avviene e proseguirà in stretto contatto con le Autorità civili e sanitarie.

Informeremo studenti, personale e cittadinanza con tempestività riguardo ad ogni aggiornamento utile.

Il Direttore del CMTF

Prof. Pietro Barbetta