Search
  • CMTF / Via Leopardi, 19, 20123 Milano
  • segreteria@cmtf.it/ +39 02/48010997
Search Menu

Norme redazionali

ARTICOLI E ALTRI CONTRIBUTI DEVONO ESSERE INVIATI AI COORDINATORI REDAZIONALI AL SEGUENTE INDIRIZZO:

Redazione Connessioni, Centro Milanese di Terapia della Famiglia, Via Leopardi 19, 20123 Milano.

Il primo autore dovrà includere il proprio indirizzo con numeri di telefono [casa e lavoro], ed eventualmente indirizzo e-mail. I manoscritti dovranno pervenire in triplice copia [originale e due copie]. Sono graditi i manoscritti corredati da testo su supporto informatico [Microsoft Word].

Ogni articolo sarà inviato per valutazione a due revisori, scelti tra i membri del Comitato Scientifico della rivista, oppure scelti ad hoc dalla Redazione. La Redazione si impegna a far conoscere agli autori la decisione riguardante il manoscritto nel più breve tempo possibile. S’intende che i manoscritti inviati a Connessioni non sono stati inviati contemporanea- mente ad altre pubblicazioni.

LO STILE DEI MANOSCRITTI DEVE CONFORMARSI ALLE SEGUENTI REGOLE:

PRIMA PAGINA.
La prima pagina dell’articolo deve contenere esclusivamente il titolo, il nome e le notizie relative agli autori. Il resto dell’articolo non deve permettere di identificare gli autori.

AUTORI.
Per ciascun autore, fornire nome, titoli professionali e affiliazioni principali [indirizzo e-mail ove possibile].

SOMMARIO.
L’articolo deve essere corredato di un sommario, max 10 righe, scritto in italiano ed in inglese. Inoltre: Gli Autori devono aggiungere- compilare la griglia di classificazione degli articoli, riportata dopo le Norme Redazionali, usando sei Parole Chiave scelte, per quanto possibile, tra quelle allegate.

BIBLIOGRAFIA.
La bibliografia, contenente tutti ed esclusivamente gli articoli e i libri citati nel testo, dev’essere in ordine alfabetico. Nel testo si deve riportare tra parentesi il cognome dell’autore seguito da virgola e l’anno di pubblicazione, per esempio: Bateson (1972); (Bateson, 1979). In caso di due autori, andranno entrambi riportati nel testo, per esempio: (Ruesch e Bateson, 1951); in caso di tre o più autori si riporterà il primo seguito da “et al.”, per esempio: Bateson et al. (1956). In caso di citazioni di brani, è necessario specificare il numero di pagina dell’edizione originale.

ALL’INTERNO DELLA BIBLIOGRAFIA I RIFERIMENTI SONO DA RIPORTARSI NEL MODO SEGUENTE:

Articoli, singolo autore: Wynne, L. (1984) The epigenesis of relational systems: A model for understanding family development. Family Process, 23: 297- 318.

Articoli, più autori:Selvini Palazzoli, M., Boscolo, L., Cecchin, G., Prata, G. (1980a) Hypothesizing-circularity-neutrality. Three guidelines for the con- ductor of the session. Family Process, 19:73-85.

Libri, singolo autore: Bateson, G. (1972) Steps to an Ecology of Mind. San Francisco, Chandler Publishing Company (trad. it. Verso un’ecologia della mente. Milano, Adelphi, 1978).

Libri, più autori: Watzlawick, P., Jackson, D.D, Beavin, J. (1967) Pragmatics of Human Communication.New York, Norton (trad. it. Pragmatica della comunicazione umana. Roma, Astrolabio, 1971).

Capitoli di libri: Anderson, H., & Goolishian, H. (1992) The client is the ex- pert: A not-knowing approach to therapy. In McNamee, S., Gergen, K.J. (eds.) Therapy as Social Construction. London, Sage, pp. 25-39.

Libri curati: McNamee, S., Gergen, K.J. (eds.) Therapy as Social Construction. London, Sage, pp. 25-39.

Per ulteriori esempi, si veda uno dei numeri di Connessioni.

Tabelle. Ogni tabella deve essere riportata su un singolo foglio a parte.Devono inoltre essere numerate in ordine di apparizione e convenientemente richiamate nel testo.

Figure. Le illustrazioni devono essere tracciate con inchiostro di china e caratteri chiaramente riproducibili (non fotocopie). Devono inoltre essere numerate in ordine di apparizione e convenientemente richiamate nel testo.

Gli autori devono conservare una copia del manoscritto. Non si accettano responsabilità per eventuali danni o perdite di articoli inviati.

Gli articoli pubblicati rappresentano le posizioni e impegnano esclusivamente la responsabilità degli autori.

GRIGLIA PER LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ARTICOLI

1. AMBITO:
Teorico epistemologico scritto nel quale si focalizza la formulazione e la sistematizzazione di principi generali, Intervento scritto nel quale si descrive una azione, o un insieme di azioni, connesse fra loro e finalizzate al raggiungimenti di un obiettivo.

2. INDIRIZZO TEORICO:
Sistemico, Psicoanalitico, Cognitivo – Comportamentale, ecc.

3. CONTESTO DI INTERVENTO:
Psicoterapia,Counselling, Mediazione, Organizzazioni, Intervento psicosociali, Medicina, Psichiatria

4. OGGETTO – GENERE DELL’INTERVENTO:
Modello formulazione o descrizione di un processo di intervento finalizzato a fornire uno schema di punti di riferimento ai fini della sua riproduzione, Caso clinico, Formazione, Ricerca, Recensione, Esperienza professionale, Esperienze, Supervisione, Processo terapeutico, ecc.

5. PROBLEMA AFFRONTATO O TEMA TRATTATO:
Ambito psicosociale [adozione, affido familiare, anziani, Disagio socio economico, handicap, lutto,povertà, tutela, ecc.]
Intercultura [culture altre, dissonanza etnica, immigrazione; ecc.]
Famiglia [blocco evolutivo della famiglia; ciclo vitale della fam.; costellazioni fa- miliari; famiglie pluricomposte; script familiari. ecc.]
Patologia, Disagio: Abuso (sessuale, minorile, familiare); Anoressia; Cardiopatia, patologie cardiache; Devianza; Diagnosi; Dipendenza, alcolismo, tossicodipendenza; Disturbi dell’apprendimento; Nevrosi d’angoscia; Patologia e cultura; Psicosomatica, sintomi psicosomatici; Psicosi; Riabilitazione (psichiatrica, neurologica); Schizofrenia, ecc..
Processo terapeutico, Formazione, Supervisione: Analisi delle sedute; Burn out; Comunicazione, difficoltà di comunicazione; Conduzione della seduta; Conversazione terapeutica; Disagio professionale; Domande riflessive; Gruppo clinico, gruppi di famiglie, lavoro di gruppo; Linguaggio e terapia; Metafore; Presa in carico; Pregiudizi; Presentificazione del terzo; Reflecting team; Relazione terapeutica; Supervisione, equipe di supervisione; Traumi del terapeuta.; ecc.

6. PARTE DEL SISTEMA IMPLICATO:
Bambino, Minore; Comunità, C. residenziale – semiresidenziale; Coppia; Coppia genitoriale; Famiglia; Famiglia estesa-trigenerazionale-monoparentale- ecc..; Gruppo; Gruppo classe, G. clinico, G. di/in formazione, G. di Operatori; Individuo; Insegnanti-genitori-alunni; Minore; Operatori psichiatrici – sociali – ecc.. Servizi; Sistema terapeutico; ecc.

7. ALTRA CLASSIFICAZIONE

Link Connessioni